La psicoterapia del bambino

Quando un bambino incontra un terapeuta infantile o un neuropsichiatra, sono gli altri, in genere i genitori o la scuola, a interrogarsi sull’adeguatezza o meno dei suoi comporti.

Al terapeuta spesso viene richiesto di “eliminare” un comportamento giudicato inadeguato.

Tuttavia, ciò che va considerato non è la condotta del bambino, ispirata a criteri di “normalità” bensì la crescita di quel singolo bambino, unico e irripetibile, la capacità di giocare, di relazionarsi con l’altro, di tollerare la frustrazione, sempre relativamente alla sua età.

La richiesta di una consultazione psicologica viene trattata tramite un intervento rivolto ai genitori e al bambino.

La fase di accoglienza e di valutazione prevede:

  • 1-2 incontri con i genitori
  • 3-4 incontri con il bambino (da solo o in presenza di uno o entrambi i genitori)
  • 1 incontro di restituzione ai genitori
  • un incontro di restituzione al bambino
  • Al termine della consultazione, viene proposto alla famiglia il percorso più adeguato.
  • La consulenza psicologica e la psicoterapia riguardano i seguenti ambiti:
  • difficoltà di comportamento
  • difficoltà di socializzazione con i coetanei e con gli adulti
  • ansie, fobie, paure
  • pensieri disturbanti
  • difficoltà scolastiche